Factotum - realizzazioni e ristrutturazioni logo atelier des arts Concorso di pittura 1a edizione premio San Zenone a Passirano (BS)
 
SPONSOR
LE RUBRICHE
L'UNICO ALBERO GENEALOGICO DI UNA FAMIGLIA ITALIANA CON DOCUMENTI, GLI ALBERI, LA RICERCA ARALDICA
CLETO (CS)
pERSONAGGIO DEL '500 E '600
MASCHERE ITALIANE
SCENE DAL MEDIOEVO
CASE D'ASTA
DATABASE DI ARTISTI
CORBELLINI ARIDE - LA CALCOGRAFIA
BIOGRAFIE DI ARTISTI
IN CHE ANNO LE INVENZIONI ?
BASSETTI LEANDRO
MARCHI CERAMICHE
 
Paderni Family su Facebook

SFOGLIA PER PAGINE:  

APPUNTI DA UNA FAMIGLIA LOMBARDA ©


Il ramo di Bartolomeo

Se Pietro aveva avuto la possibilità di coltivare terra di sua proprietà, Bartolomeo aveva scelto un'attività più allegra e forse più redditizia, faceva l'ostiero al Bettolino della comunità. Questa notizia l'abbiamo con la nascita di Orsola, ultima figlia nata a Rodengo nel 1694.
Bartolomeo si è sposato con Giulia, forestiera, probabilmente nel 1681. Che abbia intrapreso quest'attività già subito dopo sposato, non è possibile saperlo, sappiamo però che al Bettolino, gli eredi di mastro Pietro di Bogatto era proprietario nel 1641 di una pezza di terra al Bettolino confinante parte di beni del Monastero, parte di Stefano Federici, a sera la Lavorna, a mattina di Cober (fasc.. VI n.1 cartella 2 - Ospedale). Quindi al Bettolino altri Paderni già operavano. Il Bettolino una località a sud del monastero, al di là del Gandovere, sulla strada che da Iseo porta a Brescia, con Paradello e Corneto faceva parte nell'800 della frazione di Corneto. In quegli anni c'erano un centinaio di abitanti. Nel catasto del 1610,".. il Comune affitta l'osteria lire 60 all'anno…". (
Bettolino dati )
Il primo figlio Vincenzo, battezzato il 24 giugno 1682 e cresimato il 26 agosto 1692 nella chiesa di Paderno da Mons. Gradenico. Con Vincenzo fu cresimato anche Gabriele di un anno più giovane, battezzato il 28 dicembre 1683.
Una piccola parentesi dal libro dei cresimati ( 1674 - 1800), ci porta a far notare l'assidua presenza dei rampolli Paderni : nel 1675 sono in tre; nel 1677 uno; nel 1678 tre; nel 1684 tre; nel 1692 i due già descritti; nel 1699 tre; nel 1702 uno; nel 1710 la bellezza di dodici cresimanti della famiglia Paderni tra cui tre figli di Pietro e Annunciata, Carlo, Vincenzo, Laura rispettivamente battezzati nel 1697, 1699 e probabilmente 1702 visto che Laura risulta essere di anni 8; nel 1717 sei elementi.
Nel 1686 nasce
Angiolo e viene battezzato il 24 gennaio. Segue Giustina il 24 ottobre 1687, Dionisio il 21 agosto 1689, ancora Giustina il 19 febbraio 1692 con compare Pietro lo zio, ed infine Orsola il 23 gennaio 1694. E' in quest'ultima trascrizione che troviamo .. di Bartolomeo Paderno ostiero...

 


Camillus Paderni

A Rodengo tra il 1618 ed il 1713, dal libro dei matrimoni, rilevo 92 presenze di Paderni, ma solo 37 si sono qui sposati, gli altri risultano testimoni ai vari matrimoni. 328 sono invece le nascite dal 1606 al 1715 di cui 154 femmine e 174 maschi.  Non abbiamo in questo periodo le annotazioni sui morti, perché mancano i registri, quindi non possiamo stabilire quanti maschi hanno potuto proseguire la stirpe. Solo annotando le varie nascite riusciamo a stabilire i nuclei, che si riducono nei primi anni del 1700 a circa 17. Questi dati riconfermano la teoria di Armando Paderni sull’emigrazione dei Paderni in tutta Italia.

Esempio il Camillus Paderni, custode dei Reali Musei di Napoli (Museo di Portici), che è stato per me lo spunto iniziale della ricerca. Questi, personaggio emblematico, autore del “Diario dei Monumenti antichi, rinvenuti in Ercolano, Pompei, e Stabia “. Dalla biografia a lui dedicata, risulta essere pittore di origine lombarda, si stabilì a Roma nel 1705. E’ stato allievo preferito di Francesco Fernando d'Imperiali,"uno dei pittori più rinomati a Roma degli anni '20 e '30 del Settecento, conosciuto per i suoi rapporti con tedeschi e sopratutto con inglesi". Numerosi suoi disegni si trovano tuttora in collezioni inglesi.
Nella bottega dell'Imperiali vi crescono artisti come il britannico Russel. Per Camillo Paderni, nell'ambiente dell'Imperiali, non fu difficile procurarsi amici e committenti inglesi, infatti grazie a Alan Ramsay riuscì ad avere da George Turnbull, noto studioso scozzese, l'incarico di eseguire copie di pitture antiche per illustrare il suo "Treatise of Ancient Painting". Ma il lavoro in bottega non lo appaga , quindi è in quegli anni che spinto dall’entusiasmante scoperta degli scavi ad Ercolano, e grazie all'amico scultore Joseph Canart, nel 1748 è alle dipendenze di Sua Maestà il re di Napoli come “delineatore di Sua Maestà” . Qui descrive con minuzia di particolari qualsiasi oggetto o affresco scoperto. La descrizione con disegni nel suo “Diario”, è un importante documentazione storica di quegli anni.
Muore nel 1781.
L'
incisione che ha dato spunto alla mia ricerca, fa parte di una serie che descrivono le pitture ritrovate a Ercolano. I libri divisi in Tomi sono otto. Sono illustrati da diversi disegnatori ed incisori. Il Paderni partecipò come Custode dei Reali Musei, al primo ed al secondo Tomo con 20 disegni, incisi da Filippo Morghen importante incisore dell'epoca. Il libro è di grande formato " Le pitture antiche d'Ercolano e Dintorni - Napoli 1757". L'incisione trovata, rappresenta Arianna abbandonata da Nasso. Di Camillo Paderni è stato stampato un libro che ne esalta il lavoro svolto per il recupero delle opere d'arte a Ercolano e Stabbia. In questo libro, "Camillo Paderni Romano e l'immagine storica degli scavi di Pompei, Ercolano e Stabia" scritto da Maria Forcellino e edito da Artemide Edizioni, sono anche presentate parte delle sue opere tra le quali dei dipinti e le pagine del suo manoscritto con i disegni dei monumenti .

A Rodengo fino all'inizio del '600 il nome Camillo era frequente, poi sembra volatilizzarsi in tutti i documenti, questo fa presupporre che volutamente andava dimenticato. Non più figli col nome a ricordo di parenti lontani  che si chiamassero Camillo. Il nostro Camillus Paderni ha avuto sicuramente un’infanzia lontana dal paese d’origine. Come il ramo di Udine, anche quello di Camillus si è spostato da Rodengo nella prima metà del XVII secolo per installarsi in qualche località lontana dai legami di parentela, forse già all'epoca nel lontano Lazio, dove il padre cercava la fortuna per se e per i suoi figli.

Troviamo a Cologne nel 1641 Camillo q.(del fù) Picino Paderno (elencato negli estimi di Cologne Catasto Antico B, 1903) proprietario di diversi terreni ".... Un curtivo murato cuppato con quattro corpi di casa cilterata et una cosinetta solerata con ara et horto de tav. 16 in contrada di Villa Nova confina a mattina  Marta r. q. Giacomo Scalvino, a monte strada, a sera Giovan Paolo Faccolo, a mezzodì Camillo Paderno et parte ingresso estimata L. 370...." - " ... Un curtivo murato cuppato con due corpi di case cilterati e solerati con ara et horto di tavole 3 in contrada di Villa Nova confina a mattina ingresso, a sera et monte Giovanni Facco, a mezzodì ingresso estimata L. 60 .. " - " ... Una pezza di terra aradora vidata in contrada delli Dossi confina a mattina Camillo Paderno, a sera et mezzodì strada, a monte Ascanio Girello et parte Pietro Pero di piò 6 estimata L.828... " - " ... Un cortivo murato cupato con 4 corpi di casa 2 cilterati et 2 solerati con ara et horto di tav.16 in contrada della Manga confina a mattina Giovanmaria Rubagotto et parte detto possessorei a sera Camillo Padernoi a monte ingresso et a mezzodì la Fossa di Cologne stimata L.100 .. " - " ... Una pezza di terra aradora vidata in contrada suddetta confina a mattina et monte Ascanio Girello, a sera Camillo Paderno, a mezzodì strada de piò 1:30 estimata L. 189 ..." - " ... Una casa murata cupata et cilterata con ara et horto in contrada di Calchera confina a mattina Nicolò Pozzale, a sera Camillo Paderno, a monte Claudio Albrici, a mezzodì strada estimata L. 80 ...", proprietario o confinante, comunque benestante.


15 INDIETRO HOME
PADERNI FAMILY

AVANTI 17
PARROCCHIA DI SAN ZENONE PASSIRANO (bs)

 

Antiquariato ed Arte: il vero mondo che determina la cultura delle civiltà

L'Antiquariato è parte fondamentale per la conoscenza dei periodi o epoche ed aree geografiche, di provenienza e costruzione di ogni oggetto e complemento d'arredo delle civiltà. Saper addentrarsi nel mondo dell'antico vuol dire entrare nella vita quotidiana delle case nei periodi che ci hanno preceduto. La storia dell'Arte ci aiuta ad individuarne le epoche, conoscere i dipinti ed i loro autori, capire i metodi di costruzione degli arredi , dei mobili antichi, delle ceramiche antiche, dei dipinti antichi e di ogni oggetto d'antiquariato. Le epoche generalmente sono individuabili attraverso il nome del sovrano che in quell'epoca regnava, come per esempio Luigi XIV dal 1643 al 1715 in Francia, che da noi era identificato in Barocco. Luigi XV regna dal 1723 al 1774 in Francia e per noi equivale al rococò. Il Neoclassicismo si identifica con il Luigi XVI, mentre il Direttorio precede Napoleone e l'Impero è il suo periodo di reggenza. Nella prima metà dell'800 è Luigi Filippo che predomina, e con la seconda metà si va dall'Umbertino in Italia al Napoleone III in Francia. Ogni periodo è determinato da uno stile diverso. Così succede negli altri paesi europei come in Inghilterra o in Germania. Nel dipinto antico la conoscenza della Storia dell'Arte è fondamentale. Le influenze dei sovrani sono si importanti, ma non determinanti. Ci sono le scuole di pensiero e le vere scuole d'arte generalmente dedicate a San Luca. La troviamo ad Anversa nella fine del '500 come pure in altre occasioni nei secoli. L'Italia è il punto di ritrovo di tutte le scuole d'arte d'Europa fino alla fine del '700, poi la Francia prende forza con la scuola di David ed il neoclassicismo, e nell'800 con la scuola di Fontembleau ed il movimento impressionista. I dipinti erano sovente arricchiti da cornici d'orate di grande pregio. L'Antiquariato con i mobili: canterani, comò, cassettoni, ribalte, credenze, tavoli, tavolini, comodini, specchiere cassapanche e tanti altri arredi, è parte della nostra società, della nostra cultura. Essere amanti dell'Antiquariato è essere coscienti della crescita che la nostra società ha fatto nei secoli per portarci a come siamo ora.

DOCUMENTI DOCUMENTI DOCUMENTI PAGINA 39 PAGINA 38 PAGINA 37 PAGINA 36 PAGINA 35 PAGINA 34 PAGINA 33 PAGINA 32 PAGINA 31 PAGINA 30 PAGINA 29 PAGINA 28 PAGINA 27 PAGINA 26 PAGINA 25 PAGINA 24 PAGINA 23 PAGINA 22 PAGINA 21 PAGINA 20 PAGINA 19 PAGINA 18 PAGINA 17 PAGINA 16 PAGINA 15 PAGINA 14 PAGINA 13 PAGINA 12 PAGINA 11 PAGINA 10 PAGINA 9 PAGINA 8 PAGINA 7 PAGINA 6 PAGINA 5 PAGINA 4 PAGINA 3 PAGINA 2 PAGINA 1 ANGELO 1686 HOME PADERNI FAMILY L'ALBERO COMPLETO LA RICOSTRUZIONE DELL'ALBERO ALBUM DI FAMIGLIA