Factotum - realizzazioni e ristrutturazioni logo atelier des arts Concorso di pittura 1a edizione premio San Zenone a Passirano (BS)
 
SPONSOR
LE RUBRICHE
L'UNICO ALBERO GENEALOGICO DI UNA FAMIGLIA ITALIANA CON DOCUMENTI, GLI ALBERI, LA RICERCA ARALDICA
CLETO (CS)
pERSONAGGIO DEL '500 E '600
MASCHERE ITALIANE
SCENE DAL MEDIOEVO
CASE D'ASTA
DATABASE DI ARTISTI
CORBELLINI ARIDE - LA CALCOGRAFIA
BIOGRAFIE DI ARTISTI
IN CHE ANNO LE INVENZIONI ?
BASSETTI LEANDRO
MARCHI CERAMICHE
 
 

SPEZZAFERRO
Fra le maschere che ripetevano il tipo del Capitano burbanzoso e millantatore, e che divennero popolarissime nel teatro europeo del primo Seicento, quando il continente era per corso dalle soldatesche spagnole, Spezzaferro incontrò so prattutto il gusto dei francesi, per la sua comicità venata di tristezza. Lo presentò per la prima a Parigi l’italiano Giuseppe Bianchi, giunto nel 1639 con una compagnia di comici improvvisatori.
Portava vistosi baffi e sul capo un tricorno grigio sormon tato da un impertinente pennacchio: minacciava continua mente massacri, ma l’irc degli altri personaggi Io resti tuiva ben presto alla sua imbelle realtà. Può precisare il carattere di Spezzaferro un episodio accaduto a Versailles un giorno del 1680, mentre la Corte commentava la morte del Bianchi. «Assomigliava a me! » esclamò il medico M. ma il Delfino, pronto, gli rispose: « Affatto! Lui non ha mai ucciso ».
Ai temerari dell’antichità si arrendevano le dee, e fu per estro che l’Ariosto volle presentare il paladino Orlando innamorato infelice: Spezzaferro, dal punto di vista amo roso, è arrivato invece all’ultimo gradino. Quando chiede ad Arlecchino, «re per caso», che gli sia affidato il comando di una fortezza, si sente rispondere: «Come potrai tenerla, tu che non sei riuscito a tenere tua moglie?».
Divertì per mesi e mesi Parigi la scena di Spezzaferro che, entrato in un negozio per comprarsi una camicia, e non volendo ammettere di essere soggetto alle necessità di tutti gli altri mortali, spiega al merciaio che, in un accesso d’ira, gli si era rizzato il pelo al punto di ridurre la tela a un colabrodo.
FACTOTUM