Factotum - realizzazioni e ristrutturazioni logo atelier des arts Concorso di pittura 1a edizione premio San Zenone a Passirano (BS)
 
SPONSOR
LE RUBRICHE
L'UNICO ALBERO GENEALOGICO DI UNA FAMIGLIA ITALIANA CON DOCUMENTI, GLI ALBERI, LA RICERCA ARALDICA
CLETO (CS)
pERSONAGGIO DEL '500 E '600
MASCHERE ITALIANE
SCENE DAL MEDIOEVO
CASE D'ASTA
DATABASE DI ARTISTI
CORBELLINI ARIDE - LA CALCOGRAFIA
BIOGRAFIE DI ARTISTI
IN CHE ANNO LE INVENZIONI ?
BASSETTI LEANDRO
MARCHI CERAMICHE
 
 
SPEZIALE

SPEZIALE
 

Il presente costume ci fa ricordare, che era dal corpo delle arti che sortivano i magistrati, i quali parteci­pavano alla amministrazione nelle città libere, oppure andavano alle corti dei principi stranieri a perorare per la difesa degli interessi della loro patria. Ci rammenta altresì questo costume un uomo illustre, Matteo Palmi eri cioè, speziale di Firenze. Nato nell' anno 1400, egli impiegò tutta la sua vita in servigio della repubblica, consacrando le poche ore d'ozio che aveva nello studio della letteratura. Fra le opere varie che egli scrisse sono particolarmente notabili i quattro libri sulla vita civile, una storia in latino di Niccolò Acciajuoli gran siniscalco del regno di Napoli ed un poema in terza rima intitolato La città di vita, ossia divina. Matteo Palmi eri era ambasciatore a Napoli allorquando incominciò quel poema ad imitazione della Divina Commedia di Dante. Ne concepì l'idea andando a Cuma: quindi finge di avere per guida nel suo viaggio poetico la Sibilla Cumana, la quale lo conduce prima nei campi elisi e poscia alla eterna beatitudine nella città di vita.

Il presente costume è copiato da una pittura di Domenico di Bartoli nell' ospedale di Siena. Questo speziale vi è rappresentato colla testa coperta da un turbante color di lacca. Il mantello è del medesimo colore e foderato di pelliccia bianca. Debbo qui far osservare che i medici e gli speziali avevano diritto di portare, come i nobili, le pellicce di ermellino e di vajo: questo diritto avevano pure coloro i quali facevano parte di uno dei corpi delle arti maggiori. L'abito è verde come anche la cintura: il rovescio delle maniche è giallo. Le maniche del giubbone e' la calzatura sono rosse. Tiene nella sinistra un piccolo vaso di medica­menti e nella destra una spatola.