Factotum - realizzazioni e ristrutturazioni logo atelier des arts Concorso di pittura 1a edizione premio San Zenone a Passirano (BS)
 
SPONSOR
LE RUBRICHE
L'UNICO ALBERO GENEALOGICO DI UNA FAMIGLIA ITALIANA CON DOCUMENTI, GLI ALBERI, LA RICERCA ARALDICA
CLETO (CS)
pERSONAGGIO DEL '500 E '600
MASCHERE ITALIANE
SCENE DAL MEDIOEVO
CASE D'ASTA
DATABASE DI ARTISTI
CORBELLINI ARIDE - LA CALCOGRAFIA
BIOGRAFIE DI ARTISTI
IN CHE ANNO LE INVENZIONI ?
BASSETTI LEANDRO
MARCHI CERAMICHE
 
 

CAVALIERE DI RODI
 

I Cavalieri Ospitali eri di san Giovanni di Gerusalemme vestirono l'abito regolare nell'anno 1099 e fecero i tre voti solenni di religione. Gerardo, primo gran maestro dell'ordine, erasi accontentato per tutta regola d'inspirar loro sentimenti di carità e di umanità: il suo successore Raimondo Dupuy, credette di dovervi ag­giungere alcuni statuti particolari e fra questi l'obbligo di prendere le armi per la difesa di Terra Santa. Divise in tre classi tutto il corpo degli Ospitali eri : nella prima collocò tutti coloro, i quali per la loro nascita e per il rango che avevano occupato nelle armate, erano destinati a portare le armi. la seconda classe fu quella dei preti e dei cappellani. Per coloro finalmente, i quali non appartenevano nè alla classe dei nobili, nè a quella degli ecclesiastici, venne istituita una terza classe, che fu distinta col nome di fratelli serventi ossiano serventi d'armi.

Dopo che i Cavalieri Ospitali eri si furono eretti in corpo militare, Alessandro IV credette opportuno, per soddisfare la nobiltà, di stabilire una distinzione tra i fratelli serventi ed i cavalieri. Ordinò che in avvenire non vi sarebbero che i cavalieri i quali potrebbero nella propria casa vestire il costume dell' ordine.

I Cavalieri Ospitalieri, scacciati di Terra Santa, conquistarono nel 1310 !'isola di Rodi, nella quale si stabi­lirono e presero quindi il nome di Cavalieri di Rodi (*).

In una delle cappelle della cattedrale di Siena vedonsi due ritratti dello stesso personaggio, dipinti ambedue dal Pinturicchio. Francesco Aringhieri, cavaliere di Rodi, e rettore della fabbrica della cattedrale, vi è rappre­sentato col brillante costume militare del suo ordine.

(*) Vertot. Histoire des ChevaIiers HospitaIiers de Saint-Jean-de-Jèrusalem.