Factotum - realizzazioni e ristrutturazioni logo atelier des arts Concorso di pittura 1a edizione premio San Zenone a Passirano (BS)
 
SPONSOR
LE RUBRICHE
L'UNICO ALBERO GENEALOGICO DI UNA FAMIGLIA ITALIANA CON DOCUMENTI, GLI ALBERI, LA RICERCA ARALDICA
CLETO (CS)
pERSONAGGIO DEL '500 E '600
MASCHERE ITALIANE
SCENE DAL MEDIOEVO
CASE D'ASTA
DATABASE DI ARTISTI
CORBELLINI ARIDE - LA CALCOGRAFIA
BIOGRAFIE DI ARTISTI
IN CHE ANNO LE INVENZIONI ?
BASSETTI LEANDRO
MARCHI CERAMICHE
 
ANGELO GALEAZZI
descrizione:

Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800
autore: Rovetta Francesco ? (1849-1932)
prezzo:

contattare

misure: cm.9 x 18,5
Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800 - Francesco Rovetta Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800 - Francesco Rovetta Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800 - Francesco Rovetta Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800 - Francesco Rovetta
Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800 - Francesco Rovetta Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800 - Francesco Rovetta Serie di caricature di personaggi bresciani di fine '800 - Francesco Rovetta  
       
       
       
   
       
     
Francesco Rovetta (1849-1932
     

Francesco Rovetta nacque a Brescia il 13 luglio 1849, unico erede di una famiglia di commercianti, che volle avviarlo all'attività familiare e non assecondò la viva inclinazione all'arte che il figlio aveva dimostrato fin da giovanissimo. Perciò la sua istruzione artistica giovanile fu limitata alle lezioni del pittore G. Batta Ferrari, mentre gli fu negata l'iscrizione all'Accademia di Brera. Quindi la sua formazione fu sostanzialmente da autodidatta, anche se tra i venti e i quaranta anni gli fu in certo modo maestro il pittore Modesto Faustini, ma solo "per corrispondenza" da Roma. Fu amico dei maggiori artisti bresciani del suo tempo, e per alcuni di essi anche mecenate; partecipò attivamente alla fondazione e all'organizzazione della Società per l'Arte in Famiglia, che costituì per i 50 anni a cavallo tra i due secoli il cuore della vita artistica bresciana. Tuttavia la sua arte non si legò mai a scuole o correnti, mantenendo sempre una fisionomia originale, maturata nello studio più dell'arte rinascimentale che di quella dell'Ottocento a lui vicino. Da questa sua personale ricerca, condotta fino alla tarda età con incessante rielaborazione dei soggetti a lui cari, di figura o di paesaggio, nacque autonomamente una pittura che per certi aspetti pare accostarsi a quella dei Macchiaioli, ma per altri fa pensare ad un presentimento di modernità novecentesca. Tutta la vita del Rovetta fu dedicata instancabilmente a conciliare questa intensa attività artistica con gli impegni dell'attività commerciale e con quelli delle responsabilità pubbliche generosamente assunte, in campo artistico, amministrativo, sociale. Poco tempo gli rimase per partecipare alle attività espositive, da cui lo tratteneva anche la sua riservatezza. Non superano la decina le mostre bresciane, quasi tutte dell'Arte in Famiglia, a cui fu presente nell'arco di 50 anni, mentre solo le insistenze degli amici Faustini e Filippini lo convinsero a partecipare ad alcune mostre a livello nazionale. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1932, sue opere furono esposte nelle grandi mostre sull'Ottocento bresciano e due grandi mostre antologiche gli furono dedicate nel 1937 in Loggia e nel 1971 all'AAB.

 

   AVANTI  

 
Ghenos